L’Albero dei Sogni si sviluppa in un sistema modulare integrato.

Cosa significa esattamente?

Alcuni tra gli associati fondatori di Albero dei Sogni provengono da un settore professionale improntato sull’ICT, Information Communication Technology, ovvero sulle moderne tecnologie orientate alla comunicazione digitale, alla programmazione informatica, al web marketing.

Altri associati sono esperti di economia e finanza, altri sono professionisti competenti con ventennale formazione ed esperienza in ambito socio-assistenziale.

È stato pertanto naturale prendere come modello quello ritenuto attualmente il più efficiente in termini di organizzazione e ottimizzazione delle risorse, mutuandolo dall’informatica, in modo tale da creare una struttura composta da più moduli, ossia da più settori o organizzazioni o sedi o risorse o personale o qualsiasi altra entità autonoma che, interconnessa con le altre, accresca le proprie potenzialità e quelle di tutta la struttura a cui viene interconnessa.

Il primo step è stato quindi quello di definire uno schema architetturale, lo step seguente è stato quello di individuare i reali bisogni da soddisfare, successivamente si è sviluppato un sistema capace di generare risorse per il conseguimento degli obiettivi, lo step definitivo è quello di coinvolgere quanti più sostenitori possibili illustrando i vantaggi che percepiranno per essere partecipi del progetto.

In realtà lo step definitivo non è il traguardo da raggiungere, bensì la partenza da cui innescare tutto il sistema e siamo disponibili a esporre dettagliatamente come metterlo in pratica nel beneficio di tutti.

In informatica un design pattern (traducibile in lingua italiana come schema progettuale, schema di progettazione, schema architetturale), è un concetto che può essere definito “una soluzione progettuale generale ad un problema ricorrente”. Si tratta di una descrizione o modello logico da applicare per la risoluzione di un problema che può presentarsi in diverse situazioni durante le fasi di progettazione e sviluppo